Diciamolo in semplici parole: una corretta formazione aziendale fa tutta la differenza tra un’azienda di successo ed una di non successo. Una formazione efficace richiede un piano che ne garantisca la periodicità ma, soprattutto, un piano che sia collegato ad obiettivi aziendali concreti. Il fine deve essere quello di implementare le conoscenze acquisite, rendendole parte integrante del processo aziendale, fino a sviluppare un know how sempre più ampio.Il lockdown ha messo alla prova le aziende sulla propria capacità di ripensare all’organizzazione aziendale, alle competenze necessarie e alle skill nelle quali investire. Quindi, se da un lato l’emergenza ha impattato sulle modalità di fruizione della formazione, dando una forte spinta all’adozione della modalità online, dall’altro lato ne ha confermato l’importanza, posizionando di fatto la formazione come un asset vincente per la ripartenza.Va da sé che non si può pensare alla formazione come ad un processo limitato solo ad alcune aree aziendali. La vastità degli strumenti, esistenti oggigiorno a supporto dell’impresa, la obbliga ad essere aggiornata su tutti i temi; solo così un’impresa può dirsi “pronta” ad affrontare le dure sfide a cui il mercato la sottopone.